Medicina, all'Annunziata di Cosenza in chirurgia bariatrica debutta la robotica

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Medicina, all'Annunziata di Cosenza in chirurgia bariatrica debutta la robotica

  12 luglio 2022 15:59

Nelle sale operatorie dell’ Annunziata di Cosenza debutta la  Chirurgia robotica. L’Equipe dell’ Unità Operativa di Chirurgia Bariatrica e Metabolica diretta  dal dr. Ninni Urso (componenti Carlo Chiodo, Domenico Chiappetta, anestesista Alessandra Silvagni,  strumentista Francesco De Luca, il personale del Blocco Operatorio diretto dai Caposala Caterina De Luca e Giuseppe Marano e dal personale infermieristico della Chirurgia Bariatrica)  ha infatti eseguito  due interventi di riduzione dello stomaco per la cura dell’obesità, con sistema robotizzato per laparoscopia.

Banner

“In particolare- spiega il dr Urso - sono stati  utilizzati un braccio robotizzato che muove l’ottica seguendo i movimenti della testa dell’ operatore mediante un sistema Wireless, insieme a strumenti articolati che consentono una mobilità  a 360 gradi, simulando così molto più realisticamente, rispetto alla laparoscopia “tradizionale”, i movimenti delle mani del chirurgo.  Ciò  consente una immagine più stabile, una maggiore  precisione dei movimenti, migliorando i risultati sul paziente”.

Banner

Questo  programma si inserisce nel disegno, fortemente perseguito dal Commissario Gianfranco Filippelli, di imprimere una svolta all’aggiornamento tecnologico dell’Azienda, sfruttando al meglio i fondi destinati dal PNRR.

Banner

“E’ mia intenzione – ha dichiarato il Commissario Filippelli – sfruttare al meglio e al massimo le risorse economiche a nostra disposizione per recuperare gli investimenti in alta tecnologia che, negli ultimi anni, sono stati trascurati. L’Azienda ha bisogno di investimenti mirati e di ultima generazione: le opportunità offerte dalla robotica e dall’ high tech si ripercuotono positivamente sui trattamenti ai pazienti, ma sono anche la precondizione per l’aggiornamento e la formazione specialistica di medici e chirurghi”.    

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner