Mirabelli al veleno sul Milan: “Bandiera non vuol dire bravo dirigente”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Mirabelli al veleno sul Milan: “Bandiera non vuol dire bravo dirigente”
L'ex Ds del Milan Massimiliano Mirabelli
  03 ottobre 2019 15:41

Il calabrese Massimiliano Mirabelli, ex direttore sportivo del Milan, ha rilasciato dichiarazioni al veleno sulla sua ex società: “Il problema serio del Milan, io l’ho vissuto, oggi come oggi deve non vivere della sua storia. La storia va ricordata, ma non si può essere prigionieri di questa storia. Oggi è imprigionato il mondo nel parlare di bandiere, chi è stato un gran campione in campo non vuol dire debba fare il dirigente”. Riferimenti che non sembrano casuali. “Secondo me se il Milan vuole tornare ad essere quello che è stato un tempo, deve vivere di presente senza chiacchiere, sennò saranno anni bui – ha aggiunto -. Peccato, perché c’è una tifoseria importante, che segue sempre. Quando proprio è vuoto, il San Siro fa 50.000 spettatori”.

“Nessuno si aspettava una cosa del genere, il Milan ha già una proprietà importante, ha investito tantissimo, molto più di ciò che hanno investito i cinesi, avendo più sessioni di mercato a disposizione, ci si aspettava qualcosa di più importante. Sono stati fatti cambiamenti importanti, allenatore, staff dirigenziale che è uno tra i più costosi in Italia, ci aspettavamo qualcosa di diverso” ha proseguito Mirabelli.

Banner

“Tutti ce l’hanno con Giampaolo, che io ritengo un ottimo allenatore – ha evidenziato l’ex dirigente rossonero -. Chi conosce Giampaolo, sa che gli deve costruire una squadra ad hoc, non è una squadra che può esprimersi come vuole lui. Il Milan avendo Suso, uno dei giocatori più importanti che non può giocare da trequartista, e quindi è stato bocciato, non dispone dell’uomo giusto. C’è stato un problema di comunicazione nella costruzione della squadra”. “Quando siamo stati ad operare noi, abbiamo rifondato una squadra prendendo 11 giocatori con una sola sessione di mercato e abbiamo sfiorato la Champions, punti persi con Verona e Benevento, due squadre retrocesse” ha poi ricordato il calabrese.

Banner

Chiusura con ennesima stoccata: “Nelle successive sessioni di mercato, avremmo voluto aggiungere ciò che mancava, poi è cambiata la proprietà ed il management, ma hanno investito tantissimo sul mercato. Ha comprato giocatori giovani, ma comunque costosi, ci si aspettava di più”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner