Ospedale Annunziata di Cosenza, piano assunzionale: arriva il primo Ok dalla Regione

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Ospedale Annunziata di Cosenza, piano assunzionale: arriva il primo Ok dalla Regione
L'ospedale Annunziata di Cosenza
  10 gennaio 2022 16:17

“Il Presidente della Regione, on.le Roberto Occhiuto, nella sua qualità di Commissario ad Acta per il Piano di Rientro ha avviato il percorso per la validazione della rimodulazione del Piano assunzionale  consentendo, nelle more, di predisporre, immediatamente l’avvio delle procedure di reclutamento a tempo indeterminato, per alcune figure professionali, ove si ravvisino ragioni di necessità, urgenza e tutela della salute pubblica”.

A darne notizia  è il Commissario Straordinario dell’Azienda ospedaliera, prof.ssa Isabella Mastrobuono, che non nasconde la propria soddisfazione e ringrazia la struttura commissariale per la risposta tempestiva “segno di grande vicinanza – dice la Mastrobuono -  ad un ospedale che, nonostante le difficoltà non ha mai abdicato al suo ruolo di hub facendo fronte, in ogni momento, sia all’emergenza pandemica, sia all’erogazione dei servizi sanitari essenziali”.

Banner

“La rimodulazione del Piano assunzionale – ha aggiunto il Commissario Ao – resasi necessaria anche al fine di reintegrare il tourn over e che ha trovato positivo accoglimento, da parte della struttura regionale, consentirà all’Azienda di ricostituire preesistenti livelli lavorativi  e ripristinare l’erogazione di servizi sanitari che, causa il drenaggio delle risorse umane alla gestione dell’emergenza Covid, hanno subito una contrazione”.   

Banner

Il Commissario Mastrobuono che ha ringraziato il Presidente Occhiuto “per aver fatto proprie le preoccupazioni della Direzione Strategica aziendale in ordine alla necessità di dare risposte tempestive al reintegro delle figure professionali soprattutto nell’area dell’emergenza-urgenza,  ha preannunciato lo sforzo massimo per adempiere, in tempio brevi, all’attuazine del Piano assunzionale, nella nuova rimodulazione”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner