Ospedale di Rogliano, Filippelli: "Potrebbe essere riconvertito a servizi sanitari elettivi, centro di riabilitazione e lunga degenza"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Ospedale di Rogliano, Filippelli: "Potrebbe essere riconvertito a servizi sanitari elettivi, centro di riabilitazione e lunga degenza"
I sindaci del Savuto
  21 luglio 2022 17:08

Potrebbe essere riconvertito a servizi sanitari elettivi il Presidio Ospedaliero Santa Barbara di Rogliano.

L’ipotesi progettuale è stata illustrata dal  Commissario Straordinario dell’Azienda Ospedaliera, Gianfranco Filippelli nel corso della Conferenza dei Sindaci svoltasi ieri al Comune di  Rogliano e promossa dai primi cittadini della Valle del  Savuto, capofila il Sindaco Giovanni Altomare che hanno promosso l’incontro allo scopo di capire  “se c’è una programmazione per il Santa Barbara”, all’indomani della notizia, che non ha avuto poi seguito, del trasferimento della Medicina di Rogliano all’ Annunziata di Cosenza.

Banner

Banner

“Siamo consapevoli  – ha detto il Sindaco di Rogliano, introducendo i lavori dell’incontro – che è in corso una riorganizzazione dei servizi sanitari che risponde a logiche di razionalizzazione connesse anche all’emergenza pandemica. L’ospedale di Rogliano ha svolto un ruolo strategico e ha sempre garantito, nei momenti critici, un supporto concreto e irrinunciabile. Non chiediamo la luna, ma   vorremmo che il Santa Barbara possa continuare ad  essere una risorsa e  svolgere una funzione complementare all’hub e di supporto per  un bacino di utenza di 30 mila abitanti”.

Banner

Il Commissario Filippelli, dal canto suo ha spiegato che “non c’è la volontà di depotenziare il PO di Rogliano ma di riorganizzarlo in base  a nuove esigenze  e nuovi servizi che si configurano come di supporto e complementari a quelli erogati dall’hub. Penso ad esempio alla  dialisi, agli interventi chirurgici in day surgery, alla lunga degenza, alla  riabilitazione: servizi che a Rogliano possono essere svolti in maniera egregia  e che potrebbero aiutare  a gestire in maniera più appropriata i ricoveri e gli accesi  all’Annunziata.”

“Non possiamo restare ancorati – ha proseguito il Commissario straordinario di Ao – a una vecchia concezione della sanità; dobbiamo piuttosto declinare al meglio e in maniera compiuta la domanda di salute che proviene dalla popolazione e che implica l’attivazione di nuovi servizi sanitari, complementari alle cure, ma altrettanto necessari. Ad esempio poco o nulla c’è sul territorio   nel campo delle varie riabilitazioni e penso in primis alla riabilitazione delle patologie post covid, a quella cardiologica, urologica,  ginecologica, alla riabilitazione del pavimento pelvico. Si potrebbe riconvertire il Santa Barbara a Polo riabilitativo e di lunga degenza”.

“Dobbiamo ripensare la sanità – ha proseguito Filippelli – progettando la distribuzione dei servizi sul territorio in maniera funzionale e organica. L’ospedale di Rogliano rientra nella programmazione regionale della rete ospedaliera. E’ un ospedale di comunità che dobbiamo riempire di contenuti utili e con obiettivi congrui e raggiungibili”.

“Mi impegno  - ha concluso il Commissario Ao - a garantire la realizzazione di servizi in parte di supporto all’Annunziata e in parte nuovi, fruibili dalla popolazione. Servizi sanitari di nicchia che possano avere una ricaduta importante sull’ospedale e il bacino d’utenza stesso e che potrebbero consentirci anche di intercettare un’utenza che al momento è costretta a migrare.  Si tratta di cooperare perché non siamo parti contrapposte ma rappresentanti istituzionali che   insieme possono ridisegnare il perimetro di una nuova sanità efficiente, moderna, sicura, appropriata”. 

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner