Paola, accusato di furto aggravato di energia dal 2012 al 2017: 38enne assolto

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Paola, accusato di furto aggravato di energia dal 2012 al 2017: 38enne assolto
Un’aula di Tribunale
  12 febbraio 2022 12:38

 Il Giudice Monocratico Penale del Tribunale di Paola Carla D’Acunzo, all’esito del giudizio abbreviato secco, ha assolto per non aver commesso il fatto P.A., 38 anni, di Falconara Albanese, imputato per furto pluriaggravato di energia elettrica ai danni dell’Enel, difeso dagli avvocati Carmine Curatolo ed Emilio Enzo Quintieri del Foro di Paola.

L’imputato era accusato di aver allacciato abusivamente due conduttori da 6,5 mm. collegati direttamente alla rete di distribuzione dell’energia elettrica, realizzando un by-pass al contatore relativo ad una fornitura cessata, al fin di trarne ingiusto profitto, impossessandosi di complessivi 27.480 kwh di energia elettrica, per un valore complessivo pari a 4.894,19 euro, sottraendoli all’Ente Nazionale per l’Energia Elettrica. Con l’aggravante di aver commesso il fatto con violenza sulle cose e con mezzo fraudolento consistito nell’attacco abusivo, e con l’ulteriore aggravante della recidiva specifica, accertato in Falconara Albanese dal 4 gennaio 2012 al 3 gennaio 2017.

Banner

A denunciare il 38enne di Falconara Albanese fu il personale dipendente dell’Enel della zona Cosenza-Castrovillari che fecero il controllo presso l’abitazione sita nella Frazione di Torremezzo, unitamente ad i Carabinieri della Stazione di San Lucido, riscontrando la manomissione del contatore ed il prelievo irregolare dell’energia elettrica, quantificata in 27.480 kwh. Successivamente, il Servizio Elettrico Nazionale, chiese all’imputato la somma di 8.719,08 euro, comprensiva dell’accisa sull’energia e delle addizionali enti locali nonché delle spese sostenute per l’esecuzione della verifica e per i danni riscontrati al “complesso di misura”.

Banner

La Procura della Repubblica di Paola- il Pubblico Ministero Paola Miglio - ritenendo provata la penale responsabilità dell’imputato, tenuto conto della scelta del rito, aveva sollecitato la condanna alla pena di un anno di reclusione ed euro 800 di multa mentre i difensori Curatolo e Quintieri hanno chiesto al Giudice l’assoluzione del loro assistito per non aver commesso il fatto, poiché dagli atti di indagine non emergeva alcuna prova che fosse stato lui ad aver effettuato l’allaccio abusivo né che lo stesso avesse effettivamente risieduto, domiciliato o dimorato in quell’appartamento di Torremezzo e che quindi sia stato lui il beneficiario dell’energia elettrica indebitamente prelevata, anche perché l’utenza cessata risultava intestata ad altra persona che, peraltro, non era mai stata sentita in merito.

Banner

Il Giudice Monocratico del Tribunale di Paola Carla D’Acunzo, all’esito della Camera di Consiglio, ha accolto le conclusioni dei difensori dell’imputato ed in difformità da quanto chiesto dal Pubblico Ministero, ha pronunciato sentenza di assoluzione per non aver commesso il fatto, riservando per la motivazione il termine di novanta giorni.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner