Paterno Calabro. Chiude la prima edizione di "Vao – Paesaggi sonori", grande successo per un progetto sperimentale

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Paterno Calabro. Chiude la prima edizione di "Vao – Paesaggi sonori", grande successo per un progetto sperimentale

Trovare suoni e elementi che Schaffer, studioso degli anni ’70 del secolo scorso, identifica come “Impronte” specifiche  e riconoscibili di un territorio, è stata l’idea fondante del progetto VAO ma anche la possibilità di renderle fruibili in un discorso musicale. 

  02 agosto 2021 12:47

“VAO ha rappresentato un progetto di grande intensità per la prima volta realizzata in Calabria”. Con queste parole ha chiuso il direttore Francesco Perri il Concerto VAO  tenuto a Paterno Calabro il 30 Luglio. “Un progetto - ha seguito il sindaco di Paterno Calabro dott.ssa Lucia Papaianni - che ha dato la possibilità di caratterizzare il territorio di Paterno in un contesto di studio come l’ambientazione sonora.”

Banner

Il Progetto VAO, realizzato grazie al fondo Regione Calabria PAC 2014/20 Annualità 2019 Azione 3 tipologia 3.1, ha una sua identità sperimentale che ha lavorato su più ambiti di ricerca: la registrazione ambientale del territorio di Paterno Calabro, l’analisi e caratterizzazione sonora del territorio il lavoro di realizzazione attraverso i concerti e la contaminazione fra colto e popolare, tra digitale ed acustico. 

Banner

“Il progetto è molto interessante per lo studio del soundmapping – ripete il M° Francesco Perri – perché darà inizio ad una serie di potenziali momenti di archiviazione e documentazione non solo della musica del territorio di tradizione orale ma del paesaggio sonoro”. 

Banner

Di fatto l’idea di monitorare i processi di eventuali contaminazione danno al concetto di paesaggio sonoro una visione molto più ampia di un territorio che diventa identitario. 

Trovare suoni e elementi che Schaffer, studioso degli anni ’70 del secolo scorso, identifica come “Impronte” specifiche  e riconoscibili di un territorio, è stata l’idea fondante del progetto VAO ma anche la possibilità di renderle fruibili in un discorso musicale. 

L’orchestra non è solo quella che suona musica scritta o orale improvvisando ma orchestra è anche tutto ciò che di sonoro “suona”. 

“La natura suona senza avere uno spartito, senza avere una tecnica di improvvisazione, ma i suoni suoni sono riconoscibili. Questo è Vao", la chiosa del compositore calabrese Perri.  

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner