Pittelli in carcere, Sgarbi: "Arrestarlo per una lettera è una forma di tortura"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Pittelli in carcere, Sgarbi: "Arrestarlo per una lettera è una forma di tortura"
Vittorio Sgarbi
  11 dicembre 2021 10:25

"Arrestare Pittelli per una lettera è un'enormità, la misura di una forma di prepotenza, una forma di tortura applicata dai magistrati, che dai domiciliari mettono in carcere una persona per punirla, quando il carcere dovrebbe rieducare".

Così, in un'intervista al 'Corriere della Sera', Vittorio Sgarbi, in merito al caso di Giancarlo Pittelli, l'ex parlamentare di Forza Italia imputato per associazione mafiosa nel processo Rinascita Scott, tornato in carcere per aver scritto una lettera con una richiesta d'aiuto alla ministra per il Sud, Mara Carfagna.

Banner

Per Sgarbi, nei confronti di Pittelli ci sono "accuse fumose, frutto di ipotesi senza prove, in spregio a ogni principio di civiltà giuridica. Ecco perché mi domando: se Pittelli dovesse uccidersi cosa farà la giudice Brigida Cavasino?".

Banner

LEGGI ANCHE QUI. Rinascita Scott, Pittelli torna in carcere: violati i domiciliari, ha scritto alla Carfagna

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner