Polizia penitenziaria, il sindacato USPP al fianco del nuovo capo in nome della "squadra"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Polizia penitenziaria, il sindacato USPP al fianco del nuovo capo in nome della "squadra"
Liberato Guerriero
  02 agosto 2019 15:33

Ieri si è tenuta presso  gli  uffici  del  Provveditorato  Amministrazione Penitenziaria della Calabria con sede a Catanzaro,

Il discorso di insediamento del nuovo Capo della Polizia Penitenziaria Regionale, il Direttore generale Liberato Guerriero, rispecchia le aspettative dell' Unione sindacati polizia penitenziaria (Ugl), perchè traccia un percorso importante che valorizza il servizio reso dalle donne e dagli uomini dell'Istituzione, ma anche  perchè  indica  la  strada  necessaria  dell'innovazione  e  della  indispensabile valorizzazione di chi, quotidianamente, in ogni angolo del Paese, si sacrifica per garantire sicurezza e libertà ai cittadini e continuità alle Istituzioni democratiche della nostra Repubblica.

 

 

Giorgio Federico

 

"Il richiamo al Sindacato sulla necessità di agire in sinergia con l'istituzione, privilegiando sempre il dialogo e il confronto, per rafforzare la "Squadra", per innovare le strategie, che non possono prescindere da una maggiore presenza sul territorio, ma anche per aumentare le tutele del personale senza mai dimenticare che l'interesse prioritario a quello della tutela dell'interesse comune e della sicurezza del Paese, rappresenta il miglior auspicio per iniziare un confronto franco e costruttivo con il quale continuare l'opera di ammodernamento e di riordino del sistema".

E' quanto afferma il commissario straordinario per la regione Calabria (USPP) Giorgio Federico, nel commentare il discorso del neo Capo della Polizia Penitenziaria, Liberato Guerriero.

"Al nuovo Capo - conclude Federico - formuliamo i migliori auguri di buon lavoro con l'auspicio di sempre maggiori affermazioni personali, ma anche di straordinari traguardi  per la Polizia Penitenziaria e per la sicurezza del Paese affermando, sin da ora, che l'Uspp, come sempre essendo paladino della legalità e sentinella a difesa della libertà, è pronto a fare la sua parte, in modo che, insieme alla crescita dell'Istituzione, vi sia anche quella della professionalità e del benessere delle donne e degli uomini che la incarnano".