Prosegue con successo l’iniziativa “Erborare”, un viaggio di cultura tra i profumi della natura

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Prosegue con successo l’iniziativa “Erborare”, un viaggio di cultura tra i profumi della natura

  12 agosto 2020 09:47

di FRANCESCA FROIO

Prosegue con successo l’iniziativa “Erborare”, andar per erbe, un'attività all'aperto che si traduce in un viaggio nella storia naturale di un territorio, della vita di un popolo e delle sue tradizioni. La concezione salutistica incontra, attraverso tre interessanti appuntamenti, le piante e l’uomo in quel loro legame unico e eterno. Borraccia in spalla, dunque, scarpe allacciate e via alla  lezione in un'aula insolita, dal profumo di libertà.

Così, lo scorso otto agosto, attraverso la tappa svoltasi a Lorica, la Sila ancora una volta ha accolto i suoi alunni, mediante colonne arboree che si innalzano fino al cielo, custodi del tempo passato e verdi pascoli nei quali imparare e scoprire.

“La passeggiata erboristica ci porta alla scoperta del patrimonio etnobotanico della Sila, uno strano intreccio che vede protagonisti l'essere umano e le piante, un'occasione per scrutare i segreti delle piante spontanee, il loro ruolo nella prevenzione della salute, i loro aspetti nutrizionali e l'importante ruolo delle piante officinali spontanee nella storia della medicina tradizionale mediterranea” spiega il dottore Francesco Marino, formatore della lezione all'aperto, Docente e Consulente in Erboristeria e Fitoterapia, Cultore dell’Etnobotanica, Raccoglitore e Trasformatore di Piante Officinali.

La giornata, arricchita dal gustoso pranzo a sacco alimurgico preparato dallo Chef Michele Alessio della Cascina di Fiore, un mix di sapori e aromi che inoltra i partecipanti nella sfera sensoriale dove palato e gusto riescono a rielaborare le informazioni raggiunte, rappresenta il secondo appuntamento di un calendario estivo che proseguirà Sabato 22 agosto a Cupone, nella meravigliosa Sila Grande.

Ogni territorio ha una propria "storia floristica"che ricostruisce un insieme di  racconti che hanno un vissuto non troppo distante da noi, un ponte tra il passato e il presente.  Questo il pensiero cardine di un progetto che sta riscuotendo interesse su tutto il territorio, divenendo meta di appassionati e curiosi pronti a scoprire un modo affascinante dai profumi antichi.