Rinascita Scott. Il Riesame rimette in libertà altri 15 indagati. In totale sono 68 (I NOMI)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Rinascita Scott. Il Riesame rimette in libertà altri 15 indagati. In totale sono 68 (I NOMI)
Il Tribunale di Catanzaro

L'avvocato Stilo rimane in carcere

  13 gennaio 2020 18:50

di EDOARDO CORASANITI

Le scarcerazioni raggiungono quota 68: oggi il Tribunale della Libertà di Catanzaro ha sostituito o annullato 15 misure cautelari scaturite dall'operazione anti 'ndrangheta "Rinascita-Scott" , che lo scorso 19 dicembre ha portato all'arresto di 334 persone e all'iscrizione di 416 nel registro degli indagati e che ha colpito il clan Mancuso di Limbadi (LEGGI QUI).

Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, omicidio, estorsione, usura, fittizia intestazione di beni, riciclaggio ed altri numerosi reati aggravati dalle modalità mafiose. L'indagine è coordinata dalla Dda di Catanzaro, guidata dal procuratore Nicola Gratteri. 

Questa mattina il Tdl ha modificato il capo d'accusa nei confronti dell'avvocato Giancarlo Pittelli, precedentemente accusato di partecipazione all'associazione mafiosa (416 bis del codice penale), riqualificandolo in concorso esterno in associazione mafiosa (LEGGI QUI). Il legale resterà comunque in carcere. 
Stessa sorte per un altro avvocato coinvolto nell'operazione, Francesco Stilo (difeso da Pietro Chiodo e Rosa Stilo): pur riqualificando l'accusa in concorso esterno, Stilo resterà in carcere.

Di fatto, per entrambi, si tratta di un alleggerimento della loro posizione accusatoria.

In totale, dunque, sono 68 le misure cautelare modificate: 29 dal Giudice delle indagini preliminari e 39 dal Tribunale della Libertà (LEGGI QUI)

In queste ore il Tdl ha modificato le misura cautelari per 15 indagati: 

 De Marco Daniela: dagli arresti domiciliari all'interdittiva dalla Polizia di stato per 6 mesi;

Morgese Salvatore, misura cautelare annullata: dal carcere in libertà. 

Pulitano Daniele, misura cautelare annullata: dal carcere in libertà; 

Lopez Yroyo Antonio: dal carcere agli arresti domiciliari;

Palmisano Giuseppe, misura cautelare annullata: dal carcere in libertà;

Profeta Antonio, misura cautelare annullata: dal carcere in libertà;

Sicari Alessandro, misura cautelare annullata dal carcere in libertà;  

Grillo Filippo: dal carcere ai domiciliari;

Ionadi Roberto, misura annullata: dal carcere in libertà;

Gentile Emilio: misura annullata: dal carcere in libertà;

Lo Bianco Carmelo, misura annullata: dal carcere in libertà;  

Iannello Antonio, dal carcere ai domiciliari;
 
Lo Iacono Elisabetta: dal carcere agli arresti domiciliari (a Siracusa); 

Fortuna Francesco, dal carcere agli arresti domiciliari;

Cichello Rocco, misura cautelare annullata: dal carcere in libertà.

Il Tdl inoltre ha riqualificato per Pugliese Francesco, che resta in carcere, ma cambiando il capo d'imputazione. 
Così come Mazzeo Nicolino Pantaleo ( in carcere), escludendo l'aggravante mafiosa ma non modificando la misura cautelare.