Prima storica trasferta dell'Ecosistem. Nella prossima giornata se la vedrà con l'Akragas in terrà siciliana

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Prima storica trasferta dell'Ecosistem. Nella prossima giornata se la vedrà con l'Akragas in terrà siciliana
Morelli Francesco, Ecosistem
  25 ottobre 2019 11:20

Prima storica traversata dello stretto per la formazione dell’Ecosistem nella quarta giornata del campionato. La squadra del Presidente Manfredi varcherà per la prima volta i confini bruzi per affrontare la formazione dell’Akragas e lo fa con i gradi delle grandi. Nella città dei templi la Pantera Orange si presenterà con i gradi di capolista in virtù delle tre splendide vittorie ottenute in altrettante gare.

Un autentico exploit per una squadra neopromossa che si è affacciata per la prima volta nei campionati nazionali consapevole che la strada è lunga e bisogna mettere fieno in cascina il più presto possibile per centrare l’obiettivo stagionale. A tenere a battesimo questa prima assoluta in terra siciliana la formazione dell’Akragas in quello che è un vero e proprio testa coda che nessuno avrebbe immaginato alla vigilia. La formazione di mister Castiglione ha giocato solo due partite, avendo riposato alla seconda, ed ha raccolto un solo punto nella gara d’esordio in casa con il Messina.

Banner

Nell'altra gara, sabato scorso, ha ceduto per 8-6 sul campo dell’altra capolista del girone la Gear Sport Piazza Armerina riuscendo a segnare ben sei reti che hanno consentito di tenere il risultato in bilico fino alla fine. Il mezzo passo falso della prima gara e la sconfitta di sabato scorso hanno lasciato l’amaro in bocca alla formazione agrigentina che alla seconda davanti al pubblico amico non vorrà fallire una seconda volta ma, di fronte, si troverà una Ecosistem più che gasata che nelle gare in trasferta, tra campionato e coppe, ha fatto vedere di non temere gli avversari e giocarsi le gare con tutte le proprie carte.

Banner

Dalla tecnica all’agonismo, dal volere e potere alla coesione di gruppo che possono essere le carte vincenti in ogni circostanza. Concetto ribadito a fine gara sabato scorso da mister Carrozza che preferisce non guardare la classifica ma pensare solo a cementare sempre di più il gruppo perché con il gruppo si possono ottenere grandi cose.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner