Progettavano un attentato al figlio di Gratteri, Garofalo (Centro studi Giorgio La Pira): "Un atto che indigna e offende"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Progettavano un attentato al figlio di Gratteri, Garofalo (Centro studi Giorgio La Pira): "Un atto che indigna e offende"
Francesco Garofalo
  20 settembre 2021 10:44

A seguito delle gravissime minacce nei confronti del figlio, del Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, in una nota, Francesco Garofalo, presidente del centro studi “Giorgio La Pira”, di Cassano All’Jonio, ha espresso la "piena ed incondizionata solidarietà. Un atto che indigna e offende. Bisogna reagire, nella consapevolezza che senza legalità e cultura non ci potrà essere sviluppo. Abbiamo il dovere – ha proseguito Garofalo -, di fare tutti, nessuno escluso, fino in fondo la nostra parte, per infondere speranza nei nostri giovani, che hanno tutto il diritto di vivere nella propria terra, liberi da ogni forma di condizionamenti. La nostra solidarietà deve essere anche e soprattutto sostanziale, adulti credibili ed appassionati, modelli ed esempi da imitare, nella sequela di un’ altro grande magistrato, Rosario Livatino: “nessuno ci verrà a chiedere quanto siamo stati credenti ma credibili”. È una responsabilità e un impegno in più, che comporta di doverci impegnare al massimo, sempre e costantemente". LEGGI QUI

"Così come – evidenzia - , bisogna compiere ogni sforzo, unendo tutte le forze sane, per riappropriarci degli spazi, esercitando la cittadinanza attiva, nell’impegno diretto nel volontariato, nelle associazioni e nelle istituzioni, che non possono essere lasciati alla improvvisazione e nelle mani di chi non ha nessun interesse a perseguire il bene comune. Anche la presenza del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, a Pizzo Calabro, è un segnale forte per diffondere e rafforzare la cultura della legalità che comincia - ha concluso -, per sentirci parti attive del contesto sociale; quando, da anonimi spazi di transito e di consumo, le città diventano “immagini riflesse” di una mappa interiore di idee, di relazioni, di stupori".

Banner

"Per questo è importante fare posto ai giovani, metterli nelle condizioni di “vedere”, non solo di guardare, di “ascoltare”, non solo di sentire, di “capire”, non solo di sapere, affinché si sentano riconosciuti a pieno titolo come persone e cittadini responsabili.  Al procuratore Gratteri, di cui abbiamo avuto l’onore di conferirgli il Premio La Pira “Città di Cassano”, - conclude la nota -  la nostra rinnovata ed incondizionata vicinanza".

Banner

 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner