Prostituzione nel Catanzarese, la Procura in aula chiede il processo per un poliziotto e due imputati

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Prostituzione nel Catanzarese, la Procura in aula chiede il processo per un poliziotto e due imputati
Il Tribunale di Catanzaro
  07 aprile 2021 16:59

Le accuse di oggi sono quelle di ieri tranne che per Bruno Dolce la cui posizione sarà trattata nell'udienza del 5 maggio  per decidere sull'eccezione formulata in parte da Antonio Lomonaco e in parte da Arturo Bova sulla inutilizzabilità delle intercettazioni poiché tutto nasce dal altro procedimento.

Oggi, in aula nell'ambito dell'udienza scaturita dall'operazione denominata "Lucciole e lanterne" il  pubblico ministero Graziella Viscomi, titolare del fascicolo,  ha ribadito  la richiesta di rinvio a giudizio per Francesco Bagnato (difeso da Arturo Bova e Gennaro Piero Mellea), assistente capo coordinatore della Polizia di Stato, Antonio Fratto, difeso dall'avvocato Domenico Cortese,  e Giuseppe Borrelli (difeso da Pietro Funaro),  coinvolti nell’inchiesta “Lucciole e Lanterne”, scattata a marzo dello scorso anno.

Banner

 
 

L’OPERAZIONE:  È l’11 marzo quando la Squadra Mobile di Catanzaro diretta dalla Procura della Repubblica di Catanzaro – Direzione Distrettuale Antimafia esegue un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 7 persone ritenute responsabili di appartenere ad una associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina attraverso l’organizzazione di matrimoni di comodo e la produzione di ulteriore documentazione falsa, e di 4 persone, destinatarie di una seconda ordinanza cautelare ritenute, gravemente indiziate del reato di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione (LEGGI QUI)

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner