Ragazzo sedicenne picchiato dallo zio perché gay, la denuncia nel Cosentino

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Ragazzo sedicenne picchiato dallo zio perché gay, la denuncia nel Cosentino

"Sono state fatte le giuste e necessarie denunce", aggiunge Cilento, che sottolinea che "fisicamente il ragazzo sta meglio, si riprenderà. Moralmente e psicologicamente non oso immaginare come stia, forse non lo voglio immaginare"

  19 maggio 2022 19:44

"Ha 16 anni. Il 17 maggio ha deciso di legare una bandana rainbow sul suo zaino e uscire con le sue amiche. Durante il tragitto viene fermato dallo zio paterno (avvisato dal papà). Lo zio parcheggia la macchina, si avvicina e gli dice: "Non vogliamo ricchioni nella nostra famiglia" e gli sferra un primo schiaffo, che diventa poi un pugno e subito dopo un calcio, una serie di calci".

Il racconto lo fa su Facebbok il segretario della Eos Arcigay Cosenza, Silvio Cilento. Che continua. "Non contento lo zio chiama altri tre uomini (maschi) per aiutarlo. Risultato: 4 costole rotte, setto nasale deviato, lesioni di vario genere. Lo zio lo carica in macchina, lo porta a casa e: "Ora muori in casa", scrive ancora Cilento. "Sono state fatte le giuste e necessarie denunce", aggiunge Cilento, che sottolinea che "fisicamente il ragazzo sta meglio, si riprenderà. Moralmente e psicologicamente non oso immaginare come stia, forse non lo voglio immaginare".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner