Regionali. Il "peso" delle liste nella corsa alla Presidenza

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Regionali. Il "peso" delle liste nella corsa alla Presidenza

  22 dicembre 2019 18:39

“Si è arrivati lunghi”. La battuta che circola nella galassia politica calabrese è riferita ai tempi per la definizione dei candidati alla Presidenza. In effetti, l’incertezza è durata fino ad una settimana dalla scadenza del termine per la presentazione delle liste, cioè a poco più di un mese dal voto. A contendersi la poltrona di governatore saranno: Jole Santelli (centrodestra), Pippo Callipo (centrosinistra), il governatore uscente Mario Oliverio, il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, Francesco Aiello del Movimento 5 Stelle e gli outsider Carlo Tansi (ex capo della Protezione civile calabrese) e l’ex Confindustria di Reggio Calabria Giuseppe Nucera.
Ovviamente, in queste settimane l’attesa non è stata inerzia. Quasi nessuno è stato con le mani in mano. Le trattative e gli abboccamenti degli aspiranti candidati a Palazzo Campanella ci sono stati, sapendo che per molti queste sono le settimane più importanti da qui ai prossimi cinque anni.

Il sistema elettorale calabrese è piuttosto “vincolante”. Non essendoci il voto disgiunto, non vincerà necessariamente il candidato-presidente migliore, ma quello che è sostenuto dalla coalizione più forte. La vittoria passa da liste competitive. Sarà un Natale fra cene e brindisi, ma anche fra nomi e firme. L’appuntamento del 28 dicembre, quando tutto sarà depositato in Corte d’Appello, è fondamentale per farsi un’idea sul peso di ciascun concorrente alla Presidenza.
Il centrodestra, con Lega e FdI molto più lanciati rispetto a cinque anni fa, dovrebbe partire da una buona dose di consiglieri uscenti: sia quelli fin dall’inizio all’opposizione di Oliverio e sia quelli che lo sono passati in corso d’opera (e non sono stati pochi).
Per Callipo ci sarà l’appoggio del Pd e del centrosinistra ufficiale. Quello “alternativo” è arroccato assieme a Mario Oliverio. Più difficile decifrare Mario Occhiuto, solo da un paio di giorni ufficialmente in campo, anche contro l’ex fidata Jole Santelli. I 5 Stelle sperano di chiudere due liste. (g.r.)

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner