Resistenza e violenza a pubblico ufficiale: assolto un giovane imprenditore di Catanzaro

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Resistenza e violenza a pubblico ufficiale: assolto un giovane imprenditore di Catanzaro
Un'aula di tribunale
  07 dicembre 2021 18:58

Assolto perché il fatto non sussiste. Questa la formula con la quale il Tribunale monocratico di Cosenza ha assolto Michele Giglio, noto imprenditore di Catanzaro di 25 anni, il quale rispondeva dei reati di resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale.

Nello specifico, il 19 dicembre 2019, verso le ore 20:30 circa, nel transitare nella centralissima Via Alimena di Cosenza, due equipaggi appartenenti alla Polizia di Stato notavano che il traffico era bloccato per via di un’autovettura parcheggiata in doppia fila. Scesi dai propri mezzi, appuravano che effettivamente si trattava di una Porsche Panamera parcheggiata in maniera irregolare al centro della carreggiata.

Banner

Dopo avere contestato verbalmente le infrazioni commesse al Codice della Strada al giovane imprenditore catanzarese, ne susseguiva un parapiglia nel quale lo stesso veniva bloccato all’atto di scendere dal veicolo, ammanettato e portato immediatamente in caserma dove gli venivano contestati i reati di resistenza Pubblico Ufficiale, lesioni a Pubblico Ufficiale e rifiuto a declinare le proprie generalità.

Banner

Per queste ragioni, il giovane imprenditore che ha sempre gridato la propria innocenza, non riusciva ad evitare una notte presso la Casa Circondariale di Cosenza.

Banner

Oggi, dopo due lunghi anni, lo stesso – affiancato dagli avvocati Luca Acciardi di Cosenza e Antonio Ludovico di Catanzaro, ha potuto finalmente dimostrare la propria estraneità riscostruendo per intero tutta la vicenda anche grazie all’ausilio di un video che mostrava chiaramente come il giovane imputato non avesse mai opposto resistenza agli uomini in divisa.

Scelto il rito abbreviato, in data odierna il Tribunale di Cosenza, nonostante la pesante richiesta di condanna formulata dall’Ufficio di Procura (anni 1 e mesi 4 di reclusione), su sollecitazione dei difensori Acciardi e Ludovico, assolveva con formula terminativa ampia l’imprenditore Giglio da qualsiasi ipotesi contestatagli.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner