"Ricettopoli", il procuratore Spagnuolo: "E' droga di Stato"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Ricettopoli", il procuratore Spagnuolo: "E' droga di Stato"
Il procuratore Spagniuolo
  05 settembre 2019 13:41

"Droga di Stato". Così il procuratore della Repubblica di Cosenza Mario Spagnuolo ha definito lo smercio illegale di un farmaco a base di ossicodone scoperto dai carabinieri nell'ambito dell'inchiesta "Ricettopoli"(LEGGI QUI).

"Una definizione forse forte - ha spiegato il magistrato incontrando i giornalisti - ma che nasconde il fatto che sostanze stupefacenti sono state utilizzate per uso personale, ovvero per essere vendute, senza che gli spacciatori spendessero alcunché perché queste sostanze sono state dispensate gratuitamente dal servizio sanitario nazionale".
"Il meccanismo - ha aggiunto - è semplice. Un medico compiacente che inondava di prescrizioni che poi venivano portate a farmacie ben contente di dispensare farmaci molto costosi, che infine venivano immesse sul mercato con gli stessi identici effetti dell'eroina".
L'indagine ora cercherà di chiarire come tutto il giro illecito sia andato avanti negli anni, quanti altri possibili medici o farmacisti sono coinvolti e soprattutto cosa ci guadagnava il medico che si è prestato al sistema".
"Abbiamo inteso fermare questa emorragia - ha detto ancora Spagnuolo - considerato che in sede di esecuzione, solo per il mese di agosto, abbiamo trovato 45 prescrizioni, quando con 10 prescrizioni un malato terminale va avanti un anno. Dunque, le indagini vanno avanti per identificare tutti i componenti della rete. Intanto, oggi abbiamo investito degli esiti di questa indagine tutti gli organi competenti".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner