San Giovanni in Fiore. Praticava uccellagione illegalmente: fermato un cinquantaquattrenne

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images San Giovanni in Fiore. Praticava uccellagione illegalmente: fermato un cinquantaquattrenne

Le ipotesi di reato contestate al cinquantaquattrenne vanno dall'uccellagione, alla cattura e detenzione di fauna particolarmente protetta, all'uso di mezzi vietati come il richiamo elettro-acustico e le sostanze adesive oltre che al furto venatorio in quanto la fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato.

  13 settembre 2021 12:27

Aveva spalmato della colla su alcuni rami, utilizzando anche un richiamo elettronico, per attirare e catturare in modo indiscriminato uccelli appartenenti a specie protette, in particolare cardellini.

Un cinquantaquattrenne è stato sorpreso in Sila a praticare l'uccellagione illegale, nel territorio del comune di San Giovanni in Fiore, dagli agenti della Polizia provinciale di Cosenza che lo hanno denunciato.

Banner

Dopo aver documentato i fatti, utilizzando le strumentazioni tecniche a loro disposizione, gli agenti del distaccamento di San Giovanni in Fiore hanno sequestrato tutto il materiale usato dall'uomo.

Banner

Trovati anche due esemplari di cardellino che sono stati liberati nell'immediatezza. Le ipotesi di reato contestate al cinquantaquattrenne vanno dall'uccellagione, alla cattura e detenzione di fauna particolarmente protetta, all'uso di mezzi vietati come il richiamo elettro-acustico e le sostanze adesive oltre che al furto venatorio in quanto la fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato.

Banner

Sono almeno una decina le persone denunciate negli ultimi mesi grazie all'attività antibracconaggio svolta dalla Polizia provinciale di Cosenza sul territorio della Sila. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner