Scommesse illegali, blitz della DDA di Salerno, coinvolto il figlio del defunto boss calabrese di Sibari

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Scommesse illegali, blitz della DDA di Salerno, coinvolto il figlio del defunto boss calabrese di Sibari

  11 gennaio 2022 11:40

In due anni avrebbero incassato 5 miliardi di euro: figurano anche persone ritenute dagli inquirenti della Procura di Salerno (guidata dal procuratore Giuseppe Borrelli) legate al clan dei Casalesi tra i 33 soggetti ai quali i carabinieri hanno notificato altrettante misure cautelari nell’ambito di una indagine della Dda su un vasto giro di giochi e scommesse illegali esteso oltre che in mezza Italia anche a Panama, Romania e Malta.

Contestualmente sono stati messi sotto sequestro preventivo, su richiesta dell’autorità giudiziaria, anche undici siti web e due società – la Europartner e la cooperativa Iocosa Ludum, entrambe con sede legale a Mercato San Severino (Salerno) – e tre milioni di euro, ritenuto provento delle attività illecite, riconducibili a Luigi Giuseppe Cirillo, figlio del defunto boss calabrese di Sibari, e ad altre persone ritenute dagli investigatori suoi prestanome.

Banner

Si basava su una piattaforma informatica realizzata nel 2000 da un soggetto piuttosto noto alle forze dell'ordine, Luigi Tancredi (romano, accusato di ricettazione e già coinvolto in altre indagini) ma potenziata grazie a un altro indagato per fare fronte alle esigenze contemporanee, il sistema grazie al quale - secondo uno stima - una community composta da milioni di giocatori sparsi in ogni angolo della terra scommettevano anche "one to one" malgrado fossero a migliaia e migliaia di chilometri di distanza.

Banner

E' emerso durante le indagini che oggi hanno consentito alla DDA e ai carabinieri di Salerno di arrestate 33 persone ritenute legate a una organizzazione criminale, con ramificazioni anche all'estero, accusata di avere messo in piedi un giro miliardario di scommesse illegali. A capo dell'associazione a delinquere è risultato essere Luigi Giuseppe Cirillo, figlio di un boss, il quale, secondo gli investigatori, avrebbe realizzato una vera e propria holding del "gaming on line" (casinò, poker Texas Holdem) associandosi alla rete "dbgpoker", non autorizzata in Italia e avvalendosi anche della mafia casalese. I giochi erano raggiungibili anche attraverso slot machine e totem perlopiù installati nelle località del sud Italia dove più forte è risultata la pressione della criminalità organizzata. I server, secondo i militari del Nucleo Investigativo di Salerno, sebbene coordinati dal Salernitano, precisamente da Mercato San Severino, erano stati dislocati nei cosiddetti paradisi fiscali, come Panama e l'isola di Curacao. I carabinieri, coadiuvati all'estero dalle forze di polizia di Panama, Romania e Malta, hanno notificato le misure cautelari in carcere nelle province di Salerno, Ascoli Piceno, Agrigento, Avellino, Brindisi, Caserta, Catanzaro, Latina, Lecce, L'Aquila, Messina, Napoli, Potenza, Ravenna, Roma e Varese.

Banner

I reati contestati, a vario titolo, agli indagati, sono associazione per delinquere finalizzata a delitti in materia di giochi e scommesse illegali, intestazione fittizia di beni, riciclaggio, reimpiego di denaro provento di delitto in attività economiche, autoriciclaggio. Alcuni destinatari dei provvedimenti cautelari, i reati viene vengono contestati con l'aggravante di averli commessi per agevolare il clan dei Casalesi.

Se svolto in maniera lecita avrebbe fatto confluire nelle casse dello Stato circa mezzo miliardo di euro il giro di scommesse illegale, gestito da Luigi Giuseppe Cirillo, a cui oggi hanno messo fine la DDA e i Carabinieri di Salerno. A Cirillo, figlio del defunto boss calabrese di Sibari Giuseppe Cirillo, gli inquirenti contestano, tra l'altro, l'auto riciclaggio per avere investito nei paradisi fiscali, in particolare a Panama, i proventi delle sue attività criminali acquistando una serie di immobili. Tra gli episodi finiti sotto la lente degli investigatori anche la vendita di una lussuosa Lamborghini Murcielago, intestata - in maniera fittizi - a una società della Repubblica Ceca e invece riconducibile ad alcuni degli indagati.

La fuoriserie sarebbe stata venduta a una concessionaria a Torino anche se in denaro invece è stato versato su un conto corrente di Panama intestato proprio a Cirillo. Cirillo, è emerso ancora dall'attività investigativa, avrebbe anche minacciato con una pistola un rivale che reclamava un credito: per questo motivo gli viene contestato anche il porto abusivo di arma da sparo. L'aggravante mafiosa dell'associazione a delinquere, invece, gli è stata contestata per avere fornito la piattaforma a soggetti ritenuti legati al clan dei Casalesi.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner