Siclari (FI) "interroga" il ministro per la tutela delle Scuole superiori di mediazione linguistica

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Siclari (FI) "interroga" il ministro per la tutela delle Scuole superiori di mediazione linguistica
Marco Siclari
  02 agosto 2019 15:02

Il senatore di Forza Italia, Marco Siclari, ha reso noto di avere presentato un'interrogazione al ministro dell'Istruzione per chiedere interventi a tutela delle Scuole superiori di mediazione linguistica.
"Le Scuole superiori di mediazione linguistica - afferma Siclari - sono imprese sane e di eccellenza per la formazione di interpreti e traduttori. Si tratta di oltre 25 istituti italiani di livello universitario, frequentate da molte migliaia di studenti formati e diplomati ogni anno per rispondere adeguatamente alla domanda di un mercato in costante espansione e con una forte esigenza di qualità e preparazione".
"Le Scuole Superiori per Mediatori Linguistici - prosegue Siclari - nascono dalla trasformazione delle Scuole superiori per interpreti e traduttori, accreditate e costantemente monitorate dal Ministero dell'Università e della Ricerca in termini di qualità dell'offerta formativa. Si tratta di organizzazioni impegnate ogni giorno a fornire agli studenti una solida formazione culturale, di base e linguistica, in almeno due lingue straniere, oltre alla lingua madre, l'italiano, con l'obiettivo finale di dotare gli studenti di competenze linguistico-tecniche scritte e orali, adeguati alle professionalità operanti nell'ambito della mediazione linguistica. Un settore sano e dinamico che, oltre a formare interpreti e traduttori di eccellenza, sempre molto apprezzati in Italia e all'estero, ogni anno dà lavoro ad un numero elevato di docenti, ricercatori, professionisti ed amministrativi".
"Invece che valorizzare la qualità del ruolo economico e sociale svolto negli anni da queste imprese formative di eccellenza - sostiene ancora Siclari - la Commissione consultiva e di valutazione prevista dall'art. 6 nel decreto 59 del 3 maggio 2018 sta tentando di trasformare i Cfu (crediti formativi universitari) in Cfm (crediti di mediazione linguistica) così di fatto 'ghettizzando' le Ssml, estromettendole dal sistema universitario nazionale e minando alle radici il concetto stesso di equipollenza alle lauree universitarie sancito dalla legge".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner