Stasi: "L'educazione alla cittadinanza globale serve per definire per le strategie ecosostenibili"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Stasi: "L'educazione alla cittadinanza globale serve per definire per le strategie ecosostenibili"
Il sindaco di Corigliano-Rossanpo, Flavio Stasi al Tavolo Regionale per la Calabria sull’Educazione alla Cittadinanza Globale
  04 ottobre 2019 14:28

Educazione alla cittadinanza globale, le comunità educanti rappresentano un autentico laboratorio in cui far sperimentare il confronto, individuare e condividere strategie per la crescita ecosostenibile del territorio. Questioni ed emergenze come quella del rispetto dei diritti umani, della tutela e salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità, della giustizia sociale ed economica e dell’intercultura, sono questioni che richiedono necessariamente una partecipazione attiva. Che non può prescindere dalla conoscenza e da un maggiore senso di appartenenza, dal basso.  

 È, in sintesi, quanto hanno dichiarato il Sindaco di Corigliano-Rossano Flavio Stasi e  l’assessore alla Città della Cultura e della Solidarietà Donatella Novellis intervenendo al Tavolo Regionale per la Calabria sull’Educazione alla Cittadinanza Globale ospitato nei giorni scorsi nell’aula magna del liceo classico Colosimo. All’evento, alla presenza degli studenti, sono intervenuti il consigliere comunale Biagio Frasca, Annamaria Donnarumma della Pro.Do.C.S., il Presidente di Insieme Saro Polimeni, il Dirigente scolastico Pietro Maradei.

Banner

Giovani: nuovi narratori e attori della cooperazione allo sviluppo. È, questo, il tema del progetto realizzato da Pro.Do.C.S. in collaborazione con la organizzazione di volontariato Insieme, promosso da Oxfam Italia e cofinanziato da Maeci-Aics Aid 11051 che gli amministratori hanno avuto modo di apprezzare condividendo metodi ed obiettivi.  

Banner

Tra gli altri, quello di favorire un reale esercizio di cittadinanza attiva dando ai giovani l’opportunità di avviare un dialogo diretto con i decisori politici a livello locale, ma anche con altri stakeholder afferenti al mondo della scuola, dell’università, dell’associazionismo giovanile, del volontariato, delle imprese, al fine di  produrre insieme un percorso di lungo periodo in cui i territori tutti si dotino di piani di azione a sostegno di iniziative territoriali di educazione alla cittadinanza globale.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner