Torsione del testicolo in età evolutiva. A tu per tu con il chirurgo pediatrico Giuseppe Stranieri

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Torsione del testicolo in età evolutiva. A tu per tu con il chirurgo pediatrico Giuseppe Stranieri
Giuseppe Stranieri
  13 aprile 2021 08:30

di FRANCESCA FROIO

Una patologia di nicchia in età pediatrica e adolescenziale, che, nel corso dell'attuale Pandemia, ha fatto registrare un preoccupante aumento della prevalenza in termini di complicanze in tutta Italia, è rappresentata dalla Torsione Testicolare.

Banner

Banner

 A fronte di una incidenza sostanzialmente immutata, rispetto al precedente periodo No Covid, rapportato agli ultimi 5 anni, l'incidenza di complicanze esitate in gravi mutilazioni per i nostri bambini e ragazzi, quale la perdita di un testicolo, ha registrato un preoccupante incremento nel nostro paese e a tutte le latitudini, al nord come al sud. Da qui il bisogno manifestato dagli specialisti del settore, di sensibilizzare adeguatamente tutte le famiglie sul problema, invitando i genitori a non esitare a condurre i loro figli al Pronto Soccorso in caso di dolori importanti allo scroto, indipendentemente dalla Pandemia.

Banner

Una tematica sulla quale noi De La Nuova Calabria abbiamo voluto far luce, grazie al prezioso contributo di un eccellente professionista: il Dottore Giuseppe Stranieri, dirigente medico del reparto di chirurgia pediatrica dell’ospedale Pugliese Ciaccio.

Una maggiore e corretta informazione può cambiare profondamente la storia di ognuno.  A testimoniarlo un recente fatto di cronaca: protagonista un ragazzo lasciato dalla fidanzata a seguito di una ingiusta mutilazione subita. Lo stesso, in preda alla disperazione, ha scelto di consegnare la sua drammatica vicenda ai Social, senza considerare la reazione dei genitori, che hanno pensato bene di oscurare prontamente il suo grido di aiuto. Non solo un amaro fatto di cronaca, ma anche una triste realtà, che si sarebbe potuta evitare scegliendo semplicemente di accompagnare il ragazzo in ospedale per una consulenza. Questo avrebbe permesso una tempestiva diagnosi e relativi interventi sul caso

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner