Tragedia del Raganello. "Non luogo a procedere" per il sindaco di Cerchiara

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Tragedia del Raganello. "Non luogo a procedere" per il sindaco di Cerchiara
Il prof. Avv. Domenico Monci
  12 aprile 2021 15:06

 Per la tragedia dell’agosto 2018 che, a causa di un temporale e di una conseguente piena, costò la vita a dieci escursionisti e il ferimento di molti altri, è stato chiesto il rinvio a giudizio di due società turistiche, la Sibari Natura srl e la Raganello Tour srl, e dei sindaci di San Lorenzo Bellizzi, Civita e Cerchiara di Calabria. Per quest’ultimo, Antonio Carlomagno, difeso dal prof. Avv. Domenico Monci e dall’avvocato Amalia Monci, dello Studio legale «LegalMonci», è stato disposto il non luogo a procedere.

Il giudice dell’udienza preliminare Biagio Politano ha accolto la richiesta della procura di Castrovillari per gli altri imputati, cui si contesta la mancata attivazione delle misure di prevenzione previste dalle norme di protezione civile, pur avendo ricevuto il messaggio di allerta meteo «gialla».

Banner

A conclusione dell’udienza preliminare, il professor Domenico Monci ha espresso soddisfazione per l’accoglimento della sua tesi difensiva secondo la quale, anche qualora il sindaco di Cerchiara avesse attuato le misure di protezione civile per la fase di «Attenzione» prevista dalle norme di protezione civile in caso di allerta meteo «gialla», non avrebbe potuto incidere sul decorso degli eventi di quel giorno e dunque impedire la tragedia.

Banner

«In una vicenda tanto delicata come questa – ha commentato il professor avvocato Monci – la nostra considerazione è per le vittime e per il dolore dei loro familiari, ai quali auguriamo, anche in fase dibattimentale, di trovare scrupolosa giustizia, tanto quanto scrupoloso e rigoroso sotto il profilo giuridico è stato il vaglio compiuto dal giudice per l’udienza preliminare».

Banner

Quel fatale 20 agosto 2018 gli escursionisti si trovavano nel tratto delle gole del torrente Raganello, nel Comune di Civita, in provincia di Cosenza, e da quel luogo avevano intrapreso l’escursione nel suggestivo canyon, scenario naturalistico di incontaminata bellezza.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner