Truffa a "Cesare Pozzo": nel business anche la falsa vendita di due quadri di Mimmo Rotella

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Truffa a "Cesare Pozzo":  nel business anche la falsa vendita di due quadri di Mimmo Rotella
Il maestro Mimmo Rotella
  02 marzo 2021 14:28

C'è anche un'operazione "di finta compravendita", tra Ferdinando Matera, all'epoca dg della Società di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo, e una delle società del gruppo di Gianluigi Torzi, il broker già coinvolto nell'inchiesta vaticana sull'immobile di Londra, di due quadri del noto artista Mimmo Rotella agli atti dell'inchiesta milanese sulla presunta truffa, attraverso bond lussemburghesi, ai danni della storica società mutualistica da circa 15 milioni di euro. Lo si legge nel decreto di sequestro preventivo per oltre 16 milioni di euro firmato dal gip di Milano Fabrizio Filice.

Due "quadri - scrive il gip - periziati da un professionista pagato dalla Cesare Pozzo, che Matera aveva ceduto a una società del Gruppo Torzi, ricevendo in pagamento del denaro dal broker dell'investimento obbligazionario". Tra l'altro, sempre nel provvedimento si legge che quei quadri sarebbero stati fatti "sparire" a fine ottobre scorso da Armando Messineo, ex presidente della 'Cesare Pozzo', "temendo il ritrovamento nel corso di una perquisizione". La moglie di Messineo, infatti, intercettata diceva che il marito aveva "strappato i quadri con l'intenzione" di "smaltirli in una 'piattaforma' ecologica". Uno dei figli le chiedeva: "Ma perché li ha rotti?".

E la donna replicava: "Li ha rotti perché ha detto magari vengono a vedere qualcosa...". Tra l'altro, il giudice fa notare che "appare piuttosto singolare che la Cesare Pozzo abbia commissionato una perizia" sulle opere d'arte per 121mila euro, cifra "praticamente coincidente con un bonifico che Beaumont", società riferibile a Torzi, ha "fatto a Matera" di 122mila euro "proprio dietro lo schermo giustificativo della cessione di alcune opere d'arte". Una vicenda, per il gip, "emblematica" nel contesto delle operazioni emerse nell'inchiesta.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner