Azienda unica a Catanzaro, l'apprezzamento del rettore De Sarro: "Ora sotto con il protocollo d'intesa"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Azienda unica a Catanzaro, l'apprezzamento del rettore De Sarro: "Ora sotto con il protocollo d'intesa"
Giovambattista De Sarro

De Sarro: "Una grande Azienda Ospedaliero-Universitaria che, potrà contare sulla sinergia delle grandi competenze presenti ed operanti al “Pugliese-Ciaccio” ed al “Mater Domini”

  15 dicembre 2021 11:48

Il Rettore dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, Prof. Giovambattista De Sarro, esprime apprezzamento per l’approvazione da parte del Consiglio regionale della Calabria della legge che unifica, mediante fusione per incorporazione, l’Azienda Ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Mater Domini”.

LEGGI QUI.  

Banner

“La nuova legge regionale – ha evidenziato il Rettore Giovambattista De Sarro - consentirà la creazione di una grande Azienda Ospedaliero-Universitaria che, potrà contare sulla sinergia delle grandi competenze presenti ed operanti al “Pugliese-Ciaccio” ed al “Mater Domini”.

Banner

Questa nuova Azienda – ha proseguito il Rettore Giovambattista De Sarro-  che porterà il nome del Premio Nobel “Renato Dulbecco, potrà diventare così una importante realtà non solo nel panorama regionale, ma anche in quello nazionale. Le diverse vocazioni delle funzioni ospedaliere ed universitarie, che troveranno sintesi grazie all’unificazione, saranno,  ai sensi della legge, rispettate ed ulteriormente potenziate e l’integrazione delle competenze espresse consentirà un miglioramento sia della formazione di tutti i professionisti della sanità che della ricerca, di cui l’Università di Catanzaro è responsabile, ma soprattutto un miglioramento dell’assistenza al servizio della popolazione del capoluogo di regione, dell’intero territorio regionale, e non solo.”

Banner

“Per questo – ha concluso il Rettore Giovambattista De Sarro – l’auspicio ora che sia finalmente definito il Protocollo di intesa tra Regione ed Università che è scaduto da oltre un decennio”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner