Un prodotto gli rovina la pelle mentre è al lavoro: la Procura archivia, ma il dipendente chiede giustizia

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Un prodotto gli rovina la pelle mentre è al lavoro: la Procura archivia, ma il dipendente chiede giustizia
La Corte d' Appello di Catanzaro e sede della Procura di Catanzaro
  19 agosto 2019 11:54

Di EDOARDO CORASANITI

Quindici giugno 2017: è al lavoro, come ogni mattina, ma qualcosa non funziona: quel prodotto di uso domestico, utilizzato tutti i giorni per sturare i lavandini, va a finire sul corpo ed il danno è irreparabile.
Ne derivano ustioni di primo, secondo e terzo grado al volto, alla spalla/avambraccio ed alla gamba sinistra, come riportate prima all'Ospedale di Soverato e poi di Catania, con una prognosi iniziale di 40 giorni.
Subito la volontà è di capirne le ragioni, i motivi per i quali il prodotto ha determinato conseguenze così gravi.
Formalizzata la denuncia, iniziano le indagini della Procura della Repubblica di Catanzaro. Che recentemente si concludono con un nulla di fatto: il procedimento è da archiviare, scrive il pubblico ministero che si è occupato della vicenda. Non ci sono elementi di colpevolezza riferibili al produttore o al distributore.
Ma il danno resta, le ustioni segnano ancora il corpo del lavoratore di Soverato.
La partita però non è terminata, almeno a sentire l’avvocato Francesco Carello, difensore del dipendente che procede opponendosi all’archiviazione.  
Una su tutte è l’argomentazione fatta rilevare al giudice delle indagini preliminari che dovrà decidere su quanto richiesto dalla Procura: “Il prodotto non riporta, in maniera dovuta, le avvertenze di pericolo”.
E’ altamente chimico, trattandosi di acido solforico al 98%, e quindi le informazioni sulla pericolosità andrebbero segnalate adeguatamente come vogliono i regolamenti europei.
“Andrebbe valutata, con apposita consulenza tecnica, se è vero che le istruzioni sulla confezione (le modalità di utilizzo e le precauzioni da adottare nell'uso del prodotto), sono assolutamente illeggibili, se non con l'ausilio di una lente di ingrandimento”.
Le dimensioni del carattere, la spaziatura tra lettere e righe, lo spessore, il tipo di colore, la proporzione tra larghezza e altezza delle lettere: sono questi gli elementi che devono essere presenti, ma che invece sembrerebbero mancare nel prodotto domestico.
Così la richiesta dell’avvocato Carello: “Si insiste nello svolgimento di nuove investigazioni e nell’istanza di punizione dell’eventuale oggetto responsabile per aver immesso in circolazione un prodotto pericoloso per la salute senza le dovute avvertenze in etichetta in violazione della normativa vigente europea”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner