Un successo la camminata fra gli ulivi a Terranova

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Un successo la camminata fra gli ulivi a Terranova

  28 ottobre 2019 22:02

Promuovere la cultura rurale. Riportare al centro il territorio, la natura e la tutela della biodiversità. Fare delle risorse agroalimentari e del patrimonio di conoscenze degli artigiani della terra la chiave per promuovere una nuova economia, eco-sostenibile e circolare. Stimolare il ritorno manageriale alla terra ed all’entroterra delle nuove generazioni. Contribuire alla riappropriazione del patrimonio identitario dei territori ed alla fruizione responsabile delle risorse naturali, in termini produttivi e turistici.

 Sono, questi, i principali obiettivi che iniziative diffuse su scala nazionale come la Camminata tra gli ulivi, possono contribuire a far raggiungere, stimolando la partecipazione dal basso e promuovendo amore e consapevolezza verso la propria terra e verso i propri marcatori identitari, tra i quali l’ulivo.

Banner

Ad esprimere soddisfazione, insieme al Primo Cittadino Luigi Lirangi, per la riuscita partecipazione alla terza edizione nazionale dell’evento promosso dall’associazione nazionale delle Città dell’Olio di cui Terranova da Sibari fa parte e svoltasi ieri (domenica 27) è il vicesindaco e assessore all’agricoltura Massimiliano Smiriglia. – Il Vicesindaco coglie anche l’occasione per ringraziare per la preziosa collaborazione la Pro Loco Thurium Novum, l’Assoproli, la Società Cooperativa Agricola Op Probio, la sede zonale dell’Uci – unione Coltivatori Italiani, la Coldiretti Cosenza, l’Agrocepi, il Consorzio delle Terre Nuove da Sibari ed i produttori De.Co.

Banner

Dai sentieri che portano nel cuore delle campagne che si affacciano sulle distese di agrumeti ed uliveti, avvicinandosi alle fronde degli alberi per conoscere il frutto ed i procedimenti per ottenere l’olio extravergine d’oliva; passando, con lo stupore dei più piccoli, dalla casa del Tritone Italiano, la salamandra autoctona che vive nei ruscelli e nelle vasche; fino a Palazzo De Rosis, dove le cultivar Carolea, la Roggianella e la Dolce, nella loro forma di olio extravergine novello, si sono fatte ampiamente apprezzare su una fetta di pane o come condimento dei piatti della tradizione. È stato di quasi 3 chilometri il percorso su tratto rurale seguito quest’anno dai tantissimi partecipanti ad una manifestazione che – conclude Smiriglia – è diventata ormai storicizzata ed attesa dalla nostra comunità e da tutto il territorio.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner