Cosenza, l'autopsia sulla mamma salva la figlia positiva al covid e decifra una morte "inspiegabile"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Cosenza, l'autopsia sulla mamma salva la figlia positiva al covid e decifra una morte "inspiegabile"

L'autopsia eseguita dal medico legale dell'Umg, la prof. Isabella Aquila, ha permesso di individuare una particolare forma di infiammazione dei vasi indotta da problematiche autoimmunitarie e genetiche slatentizzate dall’infezione  Sars Cov 2

  08 maggio 2022 12:47

di TERESA ALOI

 Bisognava capire - e anche farlo in fretta - quali  fossero i meccanismi nella genesi della morte della giovane madre cosentina, avvenuta ad aprile scorso, per non rendere vano quel decesso e permettere alla sua bimba, di appena 3 anni, una speranza di salvezza (situazione che al momento del ricovero sembrava una ipotesi lontana). 

Banner

Una storia di dolore e di speranza quella che arrivava da Spezzano Albanese: dolore per la morte della giovane mamma, speranza per la sua bimba, da qualche giorno sveglia e in respiro spontaneo. Entrambe, ricoverate all'ospedale "Annunziata",  a pochi giorni di distanza: prima la bimba, poi la mamma, a causa di complicanze legate ad infezioni da Covid.

Banner

LEGGI ANCHE QUI. Cosenza, muore giovane donna positiva al Covid: in coma la figlia di 3 anni

Banner

LEGGI ANCHE QUI. "Una candela su ogni balcone": così Spezzano Albanese piange la giovane mamma morta a Cosenza

Poi, qualche giorno dopo, l'aggravarsi delle condizioni della mamma fino al decesso, mentre la bimba restava ricoverata in gravi condizioni. Per lei, si era mobilitata in preghiera un'intera comunità che oggi attende il suo rientro a casa a braccia aperte

La bimba, oggi, infatti sta meglio: per i medici che l'hanno in cura è fuori pericolo.

LEGGI ANCHE QUI. Covid, è fuori pericolo la bimba di tre anni ricoverata in terapia intensiva all'Annunziata di Cosenza

 E questo grazie ai risultati dell'autopsia effettuata dall'Istituto di Medicina legale dell'Università Magna Graecia di Catanzaro, contattata dall’azienda ospedaliera "Annunziata"  per far luce  su quella morte così inaspettata ed inspiegabile, funestata contemporaneamente dall’ aggravamento delle condizioni cliniche della piccola.

  Per comprendere la causa della morte e  aiutare i colleghi di Cosenza era stata infatti incaricata dall’Azienda universitaria la professoressa Isabella Aquila patologa dell’Uoc di Medicina Legale a cui venivano posti quesiti diagnostici post mortem per cercare di chiarire quali fossero state le cause del decesso della signora.  In contatto quotidiano con  Pino Pasqua, primario della Rianimazione di Cosenza, la professoressa Aquila  ha nominato un team intra universitario e multidisciplinare con i professori  Giuseppe Viglietto, Carlo Torti,  Eugenio Garofalo e il dottore Fabrizio Cordasco per investigare su una morte le cui cause sembravano davvero inspiegabili.

In particolare grazie all’autopsia e alla scoperta di una rara e particolare forma di infiammazione dei vasi indotta da problematiche autoimmunitarie e genetiche slatentizzate dall’infezione  Sars Cov 2, sono stati effettuati alcuni particolari esami sulla piccola ed attraverso molteplici breafing multidisciplinari  si è arrivati ad una nuova terapia personalizzata con l’introduzione di farmaci che hanno permesso di migliorare le condizioni della piccola che precedentemente apparivano gravi.

A dimostrazione  dell'importanza  dell’autopsia per migliorare la terapia e il trattamento sul vivente,  del confronto e della multidisciplinarietà oltre all'importanza del  ruolo centrale dell’Università in una regione che ha   tanti ricercatori che dedicano la propria vita alla ricerca.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner