Tragedia della funivia. Diamante si prepara ad accogliere la sua Serena: a braccia aperte e con le lacrime agli occhi

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Tragedia della funivia. Diamante si prepara ad accogliere la sua Serena: a braccia aperte e con le lacrime agli occhi

  27 maggio 2021 12:20

di TERESA ALOI

Non c'è il sole a Diamante. Nonostante il calendario segni primavera inoltrata, il cielo è nuvoloso e scende anche qualche goccia di pioggia. E non potrebbe essere altrimenti. Tra qualche ora la cittadina posta al centro della Riviera dei Cedri accoglierà la sua Serena, la ricercatrice 27enne, tra le 14 vittime della tragedia della funivia del Mottarone. Lo farà a braccia aperte e con le lacrime negli occhi, con un dolore infinito, cupo, sordo.  

Banner

Banner

La città è muta. Silenziosa. Saracinesche abbassate - oggi è stato proclamato lutto cittadino. Per strada non c'è quasi nessuno. Solo silenzio, un silenzio dignitoso. Perché nessuno troverà mai le parole per dire addio a una giovane vita spezzata. Perché per una tragedia non ci sono spiegazioni. Basterà solo stare accanto alla mamma, al padre, alle sorelle gemelle, al fratello  quando alle 16 nella Chiesa Gesù Buon Pastore di Diamante, la comunità le tributerà  l'ultimo saluto. In un unico un abbraccio senza fine. Quello più doloroso.   

Banner

Quello stesso abbraccio che ha legato Serena al suo compagno Hesam Shahisavandi, 33 anni, in quegli interminabili ultimi secondi di vita insieme. A noi, anche ora, piace immaginarli così. Stretti l'uno all'altro. Sorridenti e con quella voglia immensa di vivere. 

 

LEGGI QUI: Tragedia della funivia in Piemonte: la ragazza calabrese era in gita con il fidanzato

LEGGI QUI: Tragedia della funivia: i sogni della cosentina Serena e di Hesam "tranciati" a 1500 metri di quota

LEGGI QUI: Tragedia della funivia: l'ultima foto di Serena alla mamma prima di salire in cabina

 

 

 

 

 

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner