Femminicidio a Pietragrande. Loredana confidò di aver paura: lui la tormentava, ma lei non lo ha mai denunciato

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Femminicidio a Pietragrande. Loredana confidò di aver paura: lui la tormentava, ma lei non lo ha mai denunciato
Loredana Scalone
  25 novembre 2020 13:44

di TERESA ALOI

Chissà con quale scusa l'avrà convinta a seguirlo. Chissà con quali mezzi avrà costretto Loredana Scalone ad accompagnarlo sulla terrazza della discoteca a ridosso della Scogliera di Pietragrande a Stalettì. Perchè lei, da qualche tempo, aveva deciso di troncare quella relazione sentimentale. Si mostrava preoccupata negli ultimi giorni, Loredana.  Il suo sorriso era come se si fosse spento. Qualcosa la turbava. E non poco.

Banner

In paese, a Stalettì, dove si era trasferita da Girifalco, se ne erano accorti tutti. Tutti coloro che le volevano bene e che la conoscevano da tempo. Del resto, lei separata e con una figlia, si era fatta voler bene. Faceva la collaboratrice domestica. Da più persone. Aiutava in casa nelle pulizie domestiche. Un appuntamento fisso alla settimana, per molti da anni. Una persona di casa. Affettuosa, solare, allegra e simpatica.  Una grande lavoratrice.

Banner

Ed era al lavoro, da una famiglia a Caminia, anche lunedì pomeriggio. Lui l'aspettava fuori. Da qualche tempo la tallonava. Non le dava respiro. E lei, a qualcuno, lo aveva anche confidato. Così come aveva confidato che lui le chiedeva prestiti in denaro. Aveva paura, Loredana.  Quella relazione le stava sempre più stretta. E non per un motivo soltanto. Lui, Sergio Giana, 36 anni di Badolato, aveva mostrato il suo carattere "difficile". "Difficile" come la sua storia clinica. Una sorta di psicosi, un attaccamento maniacale. Eppure lei, non lo aveva mai denunciato, nonostante i suggerimenti di qualcuno.  Aveva deciso di troncare. Di tirarsi indietro.  Di quell'uomo aveva paura. Non si fidava più. Ma lui non l'aveva mollata neppure davanti ai suo no. Chissà con quale scusa l'ha riattirata a sè lunedì pomeriggio.  Per l'ultima volta. Per sempre. 

Banner

LEGGI ANCHE QUI. Uccisa a coltellate una 51enne nel Catanzarese. Fermato un 36enne di Badolato: ha confessato

LEGGI ANCHE QUI. Femminicidio a Pietragrande. Le telecamere incastrano Sergio Giana: arrivati insieme, lui va via da solo

LEGGI ANCHE QUI. Femminicidio a Pietragrande. Uccisa con decine di coltellate e gettata nuda sugli scogli

LEGGI ANCHE QUI. Femminicidio a Pietragrande. Don Corapi: "La conoscevo bene, era estroversa e solare. Stalettì le voleva bene"

 

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner